Collegio Borromeo di Pavia, al via i concerti dedicati a Beethoven

Al via la stagione dei concerti 2019/2020 del Collegio Borromeo di Pavia.

La rassegna ha come titolo “Aspettando Beethoven”. Il direttore artistico Alessandro Marangoni l’ha voluta dedicare al genio di Bonn del quale, l’anno prossimo, ricorreranno i 250 anni dalla nascita.

La campagna green #grow the future promossa dal Collegio Borromeo in difesa dell’ambiente ora va anche a braccetto con la musica. L’ingresso ai concerti e agli incontri musicali sarà gratuito ma da quest’anno, a sostegno del progetto green, ai partecipanti verrà chiesto di portare da casa e consegnare una bottiglia di plastica o una lattina da smaltire.
Sul palco della Sala Affreschi si alterneranno molti artisti di fama internazionale negli otto appuntamenti del ciclo.

4 novembre 2019

Concerto inaugurale dedicato al pedal-piano, un pianoforte doppio dotato di una pedaliera simile all’organo che pare fosse molto apprezzato da Mozart e Schumann. Dopo un secolo di oblìo il pedal-piano è tornato in auge grazie al grande pianista Roberto Prosseda, invitato ad aprire la rassegna insieme all’Orchestra del Collegio Borromeo, formata da giovani di merito, alunni del Collegio, dell’Università di Pavia e dei Conservatori italiani diretti da Denis Zanchetta. In programma l’esecuzione del Concerto per pedal-piano e orchestra di Charles Gounod (versione per archi, prima esecuzione italiana) e il Carnevale degli animali di Camille Saint-Saens.

4 dicembre 2019

Tornerà a Pavia il grande violinista Massimo Quarta, premio Paganini e tra i principali violinisti a livello internazionale. Per l’occasione suonerà in duo con il pianista Alessandro Marangoni. Verrà presentata la prima esecuzione mondiale di un brano di Rossini. Il programma si completerà con pagine del grande repertorio violinistico da Beethoven a Franck.

12 dicembre 2019

Il Coro del Collegio Borromeo proporrà un concerto con brani della tradizione del Natale, diretto da Marco Berrini. Il Collegio ha inoltre commissionato un nuovo brano a Gianmarco Rossi, alunno del Borromeo e promettente compositore: questa nuova pagina chiuderà la serata.

28 gennaio 2020

Il grande baritono pavese Bruno Taddia e il pianista Andrea Corazziari presenteranno il famoso ciclo di lieder Winterreise di Schubert, i cui testi verranno tradotti e recitati da Quirino Principe, storica firma de Il Sole 24 ore e tra i più noti musicologi italiani. L’esecuzione di questo capolavoro musicale sarà anticipata da una suggestiva pagina beethoveniana, In questa tomba oscura, il lied per voce e pianoforte più celebre e amato del repertorio del compositore tedesco, su testo di Giuseppe Carpani, ex alunno del Collegio Borromeo.

18 febbraio 2020

Il Duo Aurelio e Paolo Pollice affronterà il repertorio classico per pianoforte a quattro mani attraverso l’esecuzione di celebri musiche di Liszt, Rossini, Verdi e Respighi.

10 marzo 2020

Appuntamento di musica da camera con Silvia Mazzon, giovane e ormai affermata violinista, in duo con il pianista Marcello Mazzoni. In programma l’integrale delle Sonate di Brahms per violino e pianoforte.

30 marzo 2020

Per la prima volta a Pavia verrà presentata una pagina sacra di straordinaria intensità, Membra Jesu Nostri per coro, solisti e ensemble: si tratta dell’oratorio in sette cantate composto da Dietrich Buxtehude, il maestro di Bach, per l’occasione eseguito dal Coro del Collegio Borromeo insieme al Coro da camera e l’Ensemble di musica antica del Conservatorio di Castelfranco Veneto, diretti da Marco Berrini. Il giorno seguente il concerto verrà replicato al Rosetum di Milano.

19 maggio 2020

A chiusura della stagione ancora un appuntamento con I Solisti di Pavia diretti dal violoncellista Enrico Dindo che proporranno due capolavori della musica da camera, Verklärte Nacht di Schoenberg e Metamorphoses di Strauss.

Ti potrebbe interessare anche: