Benedizione degli animali per Sant’Antonio all’eremo di Sant’Alberto di Butrio

Una tradizione che attraverso i secoli giunge viva fino a noi.
Domenica 19 gennaio, due giorni dopo la ricorrenza di Sant’Antonio Abate, all’Eremo di Sant’Alberto di Butrio si celebra il protettore degli animali e delle arti contadine con un evento giunto alla quinta edizione, coordinato dall’Associazione Culturale Il Mondo di Tels di Pavia e dall’Auramala Project, in collaborazione con IOLAS.

Il programma

  • 14:00 – Zuppa di castagne e latte preparata dalla chef Piera Spalla del Ristorante Selvatico di Rivanazzano, accompagnata dal vin brulé dell’Azienda Agricola Montelio di Codevilla e da assaggi di formaggi del Caseificio Cavanna di Rivanazzano;
  • Dalle 14.00 alle 16.00 i membri dell’Auramala Project saranno presenti presso la tomba di Edoardo II Plantageneto per aggiornamenti sulla ricerca sugli ultimi anni di vita del re;
  • 15.00 – Visita guidata agli affreschi dell’eremo a cura della prof. Elena Corbellini;
  • 16:00 – Benedizione degli animali (gli amici a quattro zampe sono i benvenuti), accompagnata dalla musica tradizionale dei pifferi sul carro dell’Azienda Agricola Lino Verardo di Ponte Nizza (PV)
  • 16:30 – Messa solenne

DOVE | QUANDO

Eremo di Sant’Alberto di Butrio Ponte Nizza (PV) | Domenica 19 gennaio 2020 dalle 14.00. L’evento è gratuito – non occorre prenotare. In caso di maltempo l’evento NON sarà annullato ma potrà subire lievi modifiche

BIGLIETTI

Evento gratuito. Degustazioni a offerta a favore dell’eremo.

Ti potrebbe interessare anche: