Pavia, tornano gli idrovolanti sul Ticino per commemorare il Settembre del ’44

(fonte foto: archivio Chiolini)

In occasione del 75° Anniversario dei bombardamenti su Pavia (settembre 1944 – settembre 2019) saranno organizzati una serie di eventi ed incontri per ricordare quei giorni nefasti per la nostra città.

Domenica 8 settembre 2019, in concomitanza con la Festa del Ticino, ci sarà anche un sorvolo aereo su Pavia da parte di alcuni idrovolanti.

Le incursioni sulla città di Pavia dei giorni 4 e 5 settembre 1944, compiute con l’obiettivo di rendere inagibili i ponti sul Ticino, lasciarono una ferita profonda sulla memoria collettiva dei pavesi. Le bombe provocarono un elevato numero di vittime civili e venne distrutto lo storico Ponte Vecchio, gioiello dell’architettura medievale e simbolo della città.

Questo il programma:

GIOVEDÌ 5 SETTEMBRE

ORE 21.00: Paolo Re, esperto di aviazione, e Pier Vittorio Chierico, autore del libro Allarme! Bombardieri su Pavia, ricordano gli avvenimenti del settembre 1944 con documenti e immagini (Salone dell’oratorio San Raffaele di Borgo Ticino in via dei Mille, 87).

SABATO 7 SETTEMBRE

ORE 17.00: Vita quotidiana a Pavia durante la Seconda guerra mondiale. Visita guidata nei luoghi che furono teatro delle incursioni aeree, a cura di Antonio Ramaioli. Ritrovo presso l’ingresso principale del Castello Visconteo. Prenotazione con messaggio WhatsApp al 366 4183800 (Club Vogatori Pavesi)

DOMENICA 8 SETTEMBRE

ORE 9.00: Apertura della cappella del Ponte Coperto con la cripta dedicata alle Vittime civili delle incursioni aeree

ORE 9.30: Cerimonia di commemorazione del 75° anniversario dei bombardamenti su Pavia. Ritrovo presso la cappella del Ponte Coperto e corteo sino al monumento dedicato alle Vittime civili delle incursioni aeree in piazzale Ghinaglia di Borgo Ticino. Al termine della manifestazione: volo degli idrovolanti a cura dell’Aereo Club Como e della Scuola Volo Club Astra di Mezzana Bigli (Pavia)

ORE 12.00: Benedizione della lapide a ricordo delle Vittime civili dei bombardamenti. Nel giardino della chiesa parrocchiale

Ti potrebbe interessare anche: