Pavia segreta: la leggenda dell’Angelo della peste

La leggenda dell’Angelo della peste non è molto conosciuta ma è tra le più antiche di Pavia.

Questa leggenda racconta che all’epoca in cui San Damiano era vescovo di Pavia, la città fu colpita da una tremenda pestilenza che decimò la popolazione.

Ogni notte, si racconta che apparisse un angelo bianco e un angelo rosso. L’angelo bianco, angelo della vita, impugnava una spada fiammeggiante e tentava di scacciare l’angelo rosso. Quest’ultimo, angelo della morte, percuoteva le porte delle case cittadine: tanti i colpi dati, tante le persone che sarebbero morte nell’abitazione il giorno successivo.

I morti aumentavano e i cittadini si chiedevano quale colpa avessero commesso per meritarsi ciò.

Molti, per sfuggire alla pestilenza, si rifugiavano sulle colline dell’Oltrepo Pavese.

San Damiano, che aveva tentato di tutto per far cessare la peste, ispirato da Dio, fece portare da Roma la reliquia del braccio di S. Sebastiano.

La sacra reliquia, portata in processione per la città, operò il miracolo invocato: animò l’angelo bianco. Seguendo il percorso della reliquia, giunto in Strada Nuova e incontrato l’angelo rosso, gli fu facile allontanarlo dalla città, insieme alla peste, facendogli attraversare l’antica Porta Ticino all’imbocco del Ponte Coperto.

A ricordo del fatto, i pavesi fecero murare in Strada Nuova, sull’angolo con via Bernardino Gatti, un angelo in marmo bianco col braccio teso verso Porta Ticino ad indicare la miracolosa cacciata della peste. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *