Santuario della Passione di Torricella Verzate, uno dei più antichi dell’Oltrepò pavese

Il Santuario della Passione di Torricella Verzate è stato il bene più votato in Oltrepò pavese tra i Luoghi del cuore del FAI 2020, con 1.119 voti.

E’ un luogo magico che sorge su una collina di origine vulcanica, da cui si può godere di una splendida vista sui vigneti dell’Oltrepò Pavese.

Le origini di questa chiesa sono addirittura medievali, quando i templari della zona, fecero costruire in questo luogo una cappella dedicata a Santa Maria, che per secoli fu punto di riferimento per la comunità religiosa di queste terre. Nella seconda metà del diciottesimo secolo, viste le precarie condizioni della cappella, si decise di demolirla, per costruire l’attuale santuario, progettato dal parroco Filippo Montagna e inaugurato nel 1770.

Scala Santa

Alla fine dell’ottocento venne eretta una scala santa che riproduceva quella originale di Gerusalemme. Tradizione impone di salirla in ginocchio, con la promessa di 9 anni di indulgenza ogni gradino percorso.

Oggi la scala è stata consacrata a memoria delle vittime degli incidenti stradali.

Torre Saracena

Nei pressi della Chiesa parrocchiale e dell’annesso Santuario è ancora oggi visibile una Torre Saracena che dà il nome al paese e consente un ampia visuale sulla pianura Padana e sull’Oltrepò Pavese.

Via Crucis

Sul piazzale antistante la chiesa sono presenti 14 cappelle barocche.

Ciascuna rappresenta una stazione della via Crucis e all’interno sono contenute 52 in gesso e terracotta, soprannominate “i giudei”  dai ragazzi del paese.

Come raggiungere il Santuario della Passione di Torricella Verzate

Il santuario dista circa 25 chilometri da Pavia.
Si arriva a Casteggio, alla prima rotonda si segue per Broni. In località Verzate si gira a destra (seguire indicazioni) e dopo circa un chilometro si raggiunge il santuario.

Si può salire con l’auto fino sul piazzale, ma personalmente preferiamo lasciarla più giù e raggiungerlo a piedi.

Ti potrebbe interessare anche: