Valentino, storia e curiosità sullo stilista originario di Voghera

Valentino Clemente Ludovico Garavani, conosciuto come Valentino è uno degli stilisti italiani più famosi al mondo.È nato a Voghera, in provincia di Pavia, l’11 maggio del 1932 e fin da giovane mostra un grande interesse per il settore della moda, imparando i primi rudimenti del mestiere dalla stilista locale Ernestina Salvadeo.

Una volta terminati gli studi, Valentino si iscrive a una Scuola di figurino a Milano, dedicandosi, nello stesso tempo, allo studio della lingua francese presso la Berlitz School. Una volta terminato il corso, decide di trasferirsi a Parigi, dove si perfeziona all’École de La Chambre Syndicale de la Couture, avviandosi a diventare una figura centrale della moda mondiale.

La storia

Durante il soggiorno parigino, Valentino collabora con la Casa di Moda di Jean Dessès e con l’atelier di Guy Laroche, ma poi decide di tornare in Italia per lavorare al fianco di Emilio Schuberth e poi nell’atelier di Vincenzo Ferdinandi.

Alla fine di questo lungo percorso formativo, lo stilista fonda la sua maison di moda, anche grazie all’aiuto di alcuni soci, tra cui il padre, ma dopo poco tempo i soci si ritirano e la società arriva sull’orlo della bancarotta. In soccorso di Valentino, arriva il suo compagno Giancarlo Giammetti, grazie al quale la società riprende vita e ottiene talmente tanto successo da permettere, nel 1959, l’apertura del primo atelier a Roma, in via Condotti.

Tre anni dopo, Valentino presenta la sua collezione a Pitti Moda a Firenze e riscuote un successo straordinario. Le sue creazioni diventano famose in tutto il mondo, tanto che oggi i suoi capi e i suoi accessori, tra cui le famose borse Valentino, non sono disponibili soltanto presso le boutique, ma anche nei migliori negozi online, come per esempio YOOX.

Curiosità

A cavallo tra il 1960 e il 1970, Valentino riscuote successo in tutto il mondo, tanto da apparire sulla copertina delle famose riviste americane Time e Life. Nel 1967, lo stilista vince il premio Neiman Marcus e poi lancia la sua prima collezione Uomo, allargando così il suo ambito lavorativo e creativo fino ad allora dedicato soltanto alle donne. In quegli anni, Valentino ottiene così tanto successo che il sindaco di Beverly Hills decide di dedicargli un “Valentino’s Day” e gli consegna le chiavi d’oro della città. Infine, nel 1971, lo stilista diventa il protagonista di un ritratto di Andy Warhol, mentre negli anni ’80 ottiene la nomina a Cavaliere di Gran Croce e a Grand’Ufficiale dell’Ordine al Merito.

Oggi Valentino vive tra le sue tante residenze sparse per il mondo, tra cui il Castello di Wideville, la villa di Crespières, nei pressi di Parigi, quella di Roma sulla via Appia, il palazzo di Holland Park a Londra e l’attico newyorkese a Park Avenue. Inoltre, sempre a Roma, lo stilista possiede Palazzo Mignanelli, dove ha sede l’omonima casa di moda e divide la sua vita col compagno Bruce Hoeksema.