Pavia, il film Aquile Randagie girato in centro storico al Giffoni Film Festival

Aquile Randagie, il film girato in parte a Pavia nell’agosto 2018, sarà presentato in anteprima mondiale al Giffoni Film Festival 2019.

Il film è legato alle vicissitudini di Teresio Olivelli, partigiano che si mise dalla parte dei perseguitati come i giovanissimi scout milanesi e monzesi delle “Aquile randagie” che clandestinamente si riunivano nell’isolata Val Codera e aiutavano gli ebrei a scappare in Svizzera. Il regime fascista aveva abolito infatti lo scoutismo.

Olivelli studiò giurisprudenza all’Università di Pavia, fu alunno del prestigioso Collegio Ghislieri e nel 1943, a soli 27 anni, ne fu nominato rettore.

Noi avevamo incontrato la troupe in pieno centro, precisamente in Via Morazzone.

Molti sono stati i luoghi pavesi interessati dalle riprese: la cripta di Sant’Eusebio, il collegio Ghislieri, l’esterno della chiesa di San Michele, piazzetta Azzani, piazza Botta, l’esterno dell’Arsenale e si attende ancora l’Ok definitivo per sfruttare l’Università degli Studi di Pavia. Sino al 17 agosto saranno a Pavia, poi le riprese si sposteranno in Valtellina.

“Il cinema può diventare luogo di promozione del territorio e di riflessione su di esso – ha spiegato Francesco Lo Savio, amministratore delegato di Finzioni Cinematografiche -. Ci pare che i film italiani siano pochi, ma l’anno scorso sono stati più di cento. Ancora prima di iniziare le riprese siamo certi dell’interesse del pubblico poiché questa storia è leggendaria per il mondo scout. Spesso i gruppi scout ripercorrono il percorso delle Aquile Randagie. Abbiamo già preso accordi con due case di produzione nordamericane per la distribuzione del film oltreoceano”.

Le riprese del film sono terminate in Gennaio. Lunedì 22 Luglio il film sarà presentato al Giffoni Film Festival 2019, alla presenza del regista, della sceneggiatrice e produttrice esecutiva Gaia Moretti e degli interpreti Alessandro Intini, Teo Guarini, Romeo Tofani e Anna Malvaso.

TUTTI I FILM GIRATI A PAVIA DAGLI ANNI 50 AD OGGI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *