Pavia, al via il progetto di riqualificazione della Cupola Arnaboldi

Il 21 febbraio 2022 sono partiti i lavori di riqualificazione architettonica del complesso di Cupola Arnaboldi e piazza del Lino,  proprietà della Camera di Commercio.

L’intervento è parte di un ambizioso progetto che vuole restituire alla Città di Pavia un bene culturale importante per la storia economica del nostro territorio.

Un grande investimento che la Camera di Commercio, con il supporto di Fondazione Cariplo, sta portando avanti per fare della Cupola Arnaboldi un centro propulsore per l’attrattività turistica e culturale di Pavia e della sua provincia. Il lavoro mira a riassegnare a questo bene culturale il ruolo di punto di riferimento per gli operatori, per la cittadinanza e per i turisti.

Al piano terra verranno ricavati spazi promozionali per esposizioni, degustazioni e per l’acquisto di prodotti tipici della provincia, sia eno-agroalimentari che di artigianato artistico. I prodotti tipici locali saranno i protagonisti dei nuovi spazi della Cupola Arnaboldi, dove, storicamente, si stabilivano i costi delle materie prime locali.

Al piano superiore verranno realizzati spazi di coworking, altri riservati a imprese nella fase di start up, seminari e convegni e spazi per incontri BtoB.

“Puntiamo chiaramente a recuperare e valorizzare un luogo di grande pregio della città – dichiara Giovanni Merlino, Commissario Straordinario di Camera Commercio – con i suoi circa duemila metri quadrati in stile neoclassico e liberty, una volta sede della Borsa merci. Ma la riqualificazione ha lo scopo di valorizzare le potenzialità del contesto storico culturale per incontrare le nuove attitudini di turisti e viaggiatori.”

Il focus sarà quello del turismo lento e dei Cammini, che fa leva sull’attrattività delle nostre eccellenze enogastronomiche più tipiche. La città di Pavia, infatti, è riconosciuta dalla Commissione Europea come “Crocevia d’Europa”, capitale europea dei cammini di fede e cultura, per la ricchezza dei percorsi che si incrociano nella città e che interconnettono altri territori.

La rigenerazione dell’immobile restituirà la sua originaria funzione di “luogo dello sviluppo sociale e economico”, intervenendo contro il degrado fisico e sociale.

Ti potrebbe interessare anche: