Cosa vedere a Vigevano: una giornata in centro

In provincia di Pavia, ma a pochissimi chilometri da Milano, troviamo una vera perla del Rinascimento: Vigevano.

Ci piace definire Vigevano una bella sorpresa, perchè quando si raggiunge Piazza Ducale non si può non rimanere affascinati.
Uno dei migliori esempi di piazza Rinascimentale, un vero e proprio salotto all’aria aperta.
Chiamata anche Il Salotto di Vigevano, la Piazza Ducale fu costruita nel 1492 per volere di Ludovico Il Moro e nella nostra gita virtuale di cosa vedere a Vigevano non possiamo non partire da qua.

Circondata da portici e arcate sui tre lati, sorretti da 84 colonne sopra a ognuna si trova un medaglione che ritrae personaggi dell’epoca romana e rinascimentale, tra cui Ludovico il Moro e Beatrice d’Este.
Il quarto lato è occupato dal Duomo di Sant’Ambrogio, la cui facciata fu aggiunta successivamente.

Una curiosità: da notare i comignoli sopra ai tetti degli edifici che sono uno diverso dall’altro e riproducono le torri dei castelli al tempo degli Sforza.

Vale la pena fermarsi a gustare un buon gelato seduti ad un tavolino di uno dei dehors dei molti caffè.

Piazza Ducale era l’ingresso regale al Castello Sforzesco a cui si accede attraverso la Torre del Bramante.
Dopo una scalinata, ci si ritrova catapultati in un’altra dimensione, in uno dei giardini del Castello Ducale.
E’ possibile salire anche sulla Torre da cui si gode di una splendida visuale su tutta la città.

Il Castello Sforzesco di Vigevano è uno dei più grandi complessi fortificati d’Europa.
Voluto da Luchino Visconti nel ‘300, nasce come roccaforte difensiva a difesa del ducato di Milano.
Successivamente i Visconti e gli Sforza, in particolare a Ludovico il Moro, lo trasformarono in residenza signorile.

Meritano una visita le 3 Scuderie Ducali, fatte edificare da Ludovico il Moro. Una scuderia è sede permanente del Museo Archeologico Nazionale della Lomellina, mentre le altre due sono sedi di mostre temporanee.

Passeggiando tra le vecchie scuderie, ci si ritrova in una strada coperta e in due passaggi sotterranei

La prima era dedicata ai signori di Milano che potevano entrare e uscire dal Castello senza essere visti dagli abitanti del borgo, le seconde erano per i contadini e mercanti.
La Strada Coperta è lunga circa 164 metri e larga 7 metri è un esempio unico in tutta l’architettura castellana europea e rappresenta una delle più formidabili opere di ingegneria militare medievale.

La Strada Coperta di Vigevano – Fonte Moreno Colombo

Si dice che in certe notti si possono vedere i fantasmi delle dame che ancora passeggiano come nel XV secolo.

All’interno del Palazzo Ducale merita una visita il Museo internazionale della Calzatura.
E’ possibile ammirare scarpe provenienti da ogni parte del mondo, di epoche storiche differenti. L’ingresso è gratuito.