La ricetta del Ragò, la rivisitazione pavese della tradizionale Cassoeula

La Cassoeula lombarda, prevede diverse varianti. Anche il territorio pavese ha la sua versione che prende il nome di ragò.

Nella versione oltrepadana della Cassoeula si trovano solo le puntine, una “versione light” quindi della tradizionale cassoeula milanese.

In Lomellina si cucina anche il Ragò d’òca dove, al posto del maiale, troviamo questo simpatico volatile. Noi riportiamo la ricetta del Ragò con il maiale

La ricetta del Ragò

  • Costine di maiale (800 g)
  • Cipolle (100 g)
  • Carote (200 g)
  • Sedano (150 g)
  • Verza (1,5 kg)
  • Passata di pomodoro (q.b.)
  • Alloro (q.b.)
  • Sale (q.b.)
  • Olio (q.b.)

In una casseruola bassa fare imbiondire la cipolla tagliata nel burro. Unite il sedano e le carote tagliati e fate rosolare per qualche minuto. Aggiungete le costine e due foglie e fate rosolare.

Sfogliate la verza, lavatela, tagliuzzatela grossolanamente con un coltello e unitela alle costine. Aggiungete anche un cucchiaio di passata di pomodoro.
Coprite il tegame e cuocete per due ore circa, bagnando con del brodo. Ideale è utilizzare sempre un cucchiaio di legno.

Da servire con la polenta!

Quale vino abbinare
Il sommelier pavese Carlo Aguzzi consiglia di abbinare un piatto di ragó ad un rosso di buon corpo come un Barbera di Alba o un Barbacarlo o un rosso dell’Oltrepò Pavese. Si può anche osare con uno spumante metodo classico dell’ Oltrepò a base pinot nero. L’effervescenza delle bollicine contribuisce a sgrassare la tendenza “untuosa” del piatto .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *