Vigevano, il Cenacolo e Leonardo raccontati da Vittorio Sgarbi

Una serata dedicata all’arte per aiutare i bambini della pediatria

L’iniziativa del Lions Club Vigevano Sforzesco, con la collaborazione ed il patrocinio del Comune di Vigevano, avrà come protagonista martedì 27 novembre il Prof. Vittorio Sgarbi in una Lectio Magistralis dal titolo “Il Cenacolo e Leonardo”. Levento si terrà presso il Teatro Cagnoni di Vigevano.

Il Lions Club Vigevano Sforzesco anticipa, con questo tributo, le celebrazioni che nel 2019 ricorderanno il cinquecentenario dalla morte di Leonardo da Vinci.

Vittorio Sgarbi guiderà il pubblico presente nella osservazione, anche degli aspetti meno noti, dell’opera più mistica del grande pittore e genio toscano, il famosissimo dipinto “Ultima Cena”, conservato nel Refettorio adiacente la Chiesa di Santa Maria delle Grazie a Milano.

Questo evento, è organizzato a scopo benefico. Il progetto, che ha per titolo “Un Soffio per la Vita”, consiste nell’acquisto di un’attrezzata che il Lions Club Vigevano Sforzesco donerà alla Pediatria dell’Ospedale di Vigevano per il trattamento dei neonati e dei bambini con problemi respiratori.

L’inizio dello spettacolo è previsto per le ore 21.00. 
Costo del Biglietto: € 22,00 (compreso di prevendita)

Un pensiero su “Vigevano, il Cenacolo e Leonardo raccontati da Vittorio Sgarbi

  • 26 Novembre 2018 in 17:49
    Permalink

    Leonardo che con la sua arte che produsse diversi “non finiti”, nella Gioconda potrebbe aver creato un “non volto” femminile, assieme a un “non paesaggio”. Un volto ideale madre di tutti i volti, a partire da quello dell’autore. Il volto femminile del dipinto conservato al Louvre è sovrapponibile all’Autoritratto di Leonardo conservato a Torino, una volta ribaltato specularmente. Per ultimo, un possibile rimando subliminale al volto sindonico, come apparve nel negativo fotografato nel 1898 per la prima volta. Anch’esso somigliante con quello dell’Autoritratto di Leonardo da Vinci conservato a Torino. Questa sarebbero le ragioni profonde del fascino del dipinto e dell’iconoclastia cui è stato sottoposto nello scorso secolo. Cfr. ebook/kindle: “La Gioconda: uno specchio magico”.

I commenti sono chiusi.