Eugenio Costa, l’ex cestista che cancella le scritte dai muri di Pavia

Alcuni pavesi se ne sono accorti uscendo semplicemente di casa, altri passeggiando: molte delle orrende scritte che rovinavano l’ aspetto dei palazzi del centro storico sono state cancellate grazie al lavoro certosino e gratuito di Eugenio Costa.

I cittadini che lo vedono al lavoro ringraziano sentitamente l’ex giocatore della Pallacanestro Pavia. Giocò un solo anno nella Vigorelli, era il 1985, ma tanto è bastato ad Eugenio per innamorarsi della città di Pavia.

A Pavia ho giocato un solo anno nel ruolo di pivot e poi ho fatto un anno di servizio civile alla Casa del Giovane“, ci racconta alla fine di uno suoi lavori tra via Cavallotti e via Mantovani.

Eugenio già a Genova, città natale della sua famiglia, aveva dichiarato guerra ai graffiti cancellando più di 800 scritte sui muri.

Certamente non si tratta del solo lavoro di pulire una scritta da un muro, questa è la prova di un metodo che si può adottare anche in altre città delle dimensioni di Pavia. Non ci vuole molto, ma tanta buona volontà per tornare a far splendere città belle come Pavia.”

Per compiere la sua missione ogni mattina arriva a Pavia in treno da Genova insieme alla sua bici. Poi, armato di secchiello, pennelli e colori (forniti dalla ditta pavese Carboni), gira per il centro dove ormai sono quasi cento i graffiti che sono stati cancellati.

Lo faccio per me e per i pavesi, poi fotografo il risultato e lo pubblico su Facebook. Mi piace sentire i cittadini dire di non aver mai visto quel muro così pulito“. Sulla pagina Facebook ‘Pavia più bella’ è possibile vedere tutti i lavori di pulizia compiuti in questi mesi.

Fotografo di professione, quello del Signor Costa non è un semplice lavoro di tinteggiatura. Ogni muro richieda la giusta tinta: ” Mi sento un po’ come un decoratore, per trovare il colore giusto serve molta pazienza. A volte ho rifatto il lavoro anche tre volte ma mi dà grande soddisfazione“.

Grazie Eugenio, Pavia ti sarà per sempre grata.

Ti potrebbe interessare anche: