Il Museo per la Storia dell’Università di Pavia e le preziose collezioni scientifiche

Il Museo per la Storia dell’Università di Pavia si trova all’interno del palazzo dell’Università Centrale, precisamente nel Cortile dei Caduti, e conserva preziose collezioni scientifiche connesse alla storia dell’Università e della città di Pavia.

In Museo è custodita in particolare una bella collezione di strumenti di Fisica settecenteschi e ottocenteschi raccolti dai direttori del Gabinetto e dell’Istituto di Fisica, tra i quali, oltre ad Alessandro Volta, Giuseppe Belli, Giovanni Cantoni, Adolfo Bartoli che diedero contributi importanti sia in campo nazionale che internazionale; da non perdere sono le loro invenzioni, tra le quali spiccano quelle di Volta, di cui è stato ricostruito il Gabinetto.

Qui trovano posto anche altri strumenti che testimoniano momenti importanti come la nascita del sistema metrico decimale o, dal punto di vista sociale, l’invenzione della pentola a pressione che permise di sfamare molti indigenti durante un periodo di carestia.

Nella sezione di Medicina è invece possibile osservare una collezione di preparati anatomici, dovuta agli studi di Antonio Scarpa, Giacomo Rezia, Luigi Porta, Bartolomeo Panizza, portati avanti durante gli anni di lavoro presso l’Università, e di strumenti chirurgici.

Da non perdere anche le lettere scritte da Albert Einstein a Ernestina Marangoni, amica di vecchia data dei suoi anni in Oltrepò pavese, e diversi oggetti, strumenti e documenti appartenuti al Nobel per la medicina 1906, Camillo Golgi.

Orari di apertura

Consulta gli orari di apertura del Museo sul Sito ufficiale

Ti potrebbe interessare anche: