Le 4 mostre da non perdere questo mese a Pavia

Le mostre a Pavia da non perdere a Pavia e dintorni:

Looking for Monna Lisa. Misteri e ironie attorno alla più celebre icona Pop

Dal 24 novembre al 29 marzo 2020, una mostra diffusa nelle più importanti sedi dedicate all’arte di Pavia, celebra il quinto centenario della morte di Leonardo da Vinci e approfondisce il legame del genio fiorentino con la città. L’esposizione, a cura di Valerio Dehò, indaga sui misteri e sulle leggende che riguardano la celebre figura della Monna Lisa e offre opere di arte contemporanea, dalla pittura alla scultura, dall’installazione a lavori multimediali, tutte accomunate dal rapporto imprescindibile con il passato, con la storia e con il grande Maestro. I luoghi della mostra: chiesa sconsacrata di Santa Maria Gualtieri, Spazio Arti Contemporanee del Broletto, Castello Visconteo e Piazza del Municipio.

Oltre lo sguardo. Antonello da Messina a Pavia

Dal 5 dicembre 2019 al 29 marzo 2020, presso i Musei Civici, Il Ritratto d’uomo Malaspina di Antonello da Messina torna a Pavia, e la città si propone come originale palcoscenico per un’imperdibile esperienza immersiva nell’arte e nelle sue suggestioni dal Quattrocento ai nostri giorni.

ORARI DI APERTURA
Aperto tutti i giorni dalle 10.00 alle 18.00. La biglietteria chiude alle 17.15. Chiuso il martedì, il 25 e 26 dicembre e il 1 gennaio.
BIGLIETTI
Intero: 4 euro. Gratuito: under 26, over 70, possessori di Abbonamento Musei Lombardia Milano.

Hokusai, Hiroshige, Utamaro. Capolavori dell’arte giapponese

Dal 12 ottobre 2019 al 9 febbraio 2020, alle Scuderie del Castello Visconteo di Pavia, una mostra pone a confronto il fascino delle stampe giapponesi di autori quali Katsushika Hokusai (1760-1849), Utagawa Hiroshige (1797-1858) e Kitagawa Utamaro (1753-1806) con quelle di artisti quali Edouard Manet, Henri Toulouse Lautrec, Pierre Bonnard, Paul Gauguin, Camille Pissarro e altri. Circa 170 opere, provenienti dalla collezione d’arte asiatica della Johannesburg Art Gallery, a cui si aggiungono 29 stampe ukiyo-e di proprietà dei Musei Civici di Pavia, databili a prima del 1858, ed eseguite da quattro allievi di Utagawa Toyokuni, grande maestro della tecnica ukiyo-e nell’Epoca di Edo.

ORARI DI APERTURA
Dalle 9.00-19.00 (domenica chiuso)
BIGLIETTI
Intero: 12 euro, Ridotto: 10 euro (ragazzi dai 13 anni ai 18 anni, over 65, gruppi precostituiti di adulti min. 15 persone max. 30 persone). Ridotto Università di Pavia: 7 euro (riservato agli studenti dell’Università di Pavia che si presenteranno in biglietteria con il tesserino in corso di validità). Scuole e bambini: 5 euro (bambini dai 7 ai 12 anni). Audioguida inclusa nel prezzo.

Gratuito: possessori Abbonamento Musei Lombardia Milano, giornalisti muniti di tesserino dell’Ordine dei Giornalisti con il bollino dell’anno in corso, accompagnatori gruppo adulti (uno per gruppo). Accompagnatori scolaresche (due per gruppo), bambini under 6 anni, visitatori disabili muniti di certificazione attestante un’invalidità superiore al 74%, accompagnatore del visitatore disabile (solo in caso di non autosufficienza).

“Lady Be Mosaici Contemporanei”

Dal 12 dicembre al 28 febbraio 2020, presso l’Aula del Consiglio del Dipartimento di Scienze Economiche e Aziendali dell’Università di Pavia (Via San Felice, 5 – Pavia). Lady Be ha frequentato il Liceo Artistico Volta di Pavia e si è laureata all’Accademia di Belle Arti di Sanremo. Le opere dell’Artista in mostra sono personaggi della storia, della scienza, dell’arte, della musica, dei fumetti, presenti nell’immaginario collettivo e che hanno lasciato traccia nella memoria di tutti noi.

Nell’atrio del Dipartimento, nelle strutture I Giganti photo SHOWall, sono presenti immagini di Lady Be e riproduzioni di alcune sue opere.

Inaugurazione Giovedì 12 dicembre 2019, alle ore 12.30.

Ti potrebbe interessare anche: