Olimpiadi, è d’argento l’arco di Nespoli: il Robin Hood di Voghera

Grande impresa per Mauro Nespoli che ha vinto la medaglia d’argento alle Olimpiadi di Tokyo nella gara di tiro con l’arco. L’arciere azzurro di Voghera è stato sconfitto in finale dal 22enne turco Mete Gaz. Dopo quella di Federico Burdisso nel nuoto è la seconda medaglia che arriva da un atleta dalla provincia di Pavia.

Per Nespoli è la terza medaglia olimpica. Nel 2008 ai giochi Olimpici di Pechino si aggiudicò la l’argento nella competizione a squadre, seguita da quella d’oro sempre a squadre ai Giochi di Londra nel 2012.

Nato a Voghera il 22 novembre 1987 , Nespoli da sempre è residente nel pavese e si allena abitualmente presso l’ASD Arcieri DLF Voghera. Il tiro con l’arco è infatti un sport che richiede ore ed ore di pratica per colpire il bersaglio a 70 metri di distanza.

Entrò per la prima volta in contatto con il tiro con l’arco nel luglio del 1997, mentre si trovava con la sua famiglia in vacanza ad Aprica nonostante sua mamma non fosse d’accordo nella pratica di uno sport con le armi.

In una recente intervista (al sito sportribune.it) Nespoli ha raccontato di sentirsi un po’ come Robin Hood ”Mi ha sempre affascinato il mito dell’eroe che rubava ai ricchi per dare ai poveri. Il cartone animato di Walt Disney presentava molto bene il personaggio: lì Robin Hood era una volpe, che è sinonimo di scaltrezza, furbizia. Complice anche l’avversione di mia madre per le armi di qualunque tipo, da bambino ho provato questa doppia attrazione”.

Ti potrebbe interessare anche: