Alla scoperta di Fortunago: uno dei borghi più belli d’Italia

Fortunago in Oltrepo Pavese fa parte di uno dei ‘Borghi più belli d’Italia’.
Il rilancio del turismo nel nostro territorio passa anche attraverso la valorizzazione di questi piccoli borghi e delle loro tradizioni. 
Le origini di Fortunago sono antiche, come testimoniano i resti del castello e delle mura di cinta nella parte alta del paese. Il nome, Fortunago, data la presenza del suffisso “-aco”, risalirebbe, secondo alcuni studiosi, alla dominazione celtica e significherebbe “casa presso l’acqua”: questa tesi è avvalorata peraltro dall’esistenza di una sorgente di acqua.

Fortunacum è invece la forma latina che compare per la prima volta in un documento della metà del X secolo, in cui si fa riferimento alla sua appartenenza al comitato di Tortona. Passato alla famiglia Malaspina nel 1164, divenne in seguito proprietà dei Dal Verme, ai quali subentrò, sul finire del XV secolo, Gerolamo Riario. Nel 1546, tuttavia, i Malaspina riuscirono a riaverne il possesso, conservandolo fino alla seconda metà del Settecento.

Passeggiando per il Borgo

Chi si avvicina al paese può notare da subito la disposizione delle abitazioni arroccate sul pendio ripido di un colle, tipica del borgo medievale, con la chiesa ed il palazzo del comune che dominano dall’alto. Sulle viuzze, strette e chiuse tra antichi muri in pietra, si affacciano caratteristiche case in sasso, sapientemente restaurate e conservate nel loro antico aspetto. L’assenza di traffico, la vista di un panorama collinare che si estende fino al castello di Montalto Pavese, suscitano un sorprendente ed appagante sensazione di pace.

La parte bassa del borgo non è meno interessante: ad attirare subito l’attenzione del visitatore è l’antichissima chiesetta di Sant’Antonio (l’Oratorio), anch’essa in pietra e in mattoni a vista, molto ben conservata ed utilizzata quotidianamente per la celebrazione della S. Messa vespertina.

Un piacevole ristoro lo si può trovare attingendo, dalle fontanelle, acqua sorgiva freschissima, regolarmente analizzata e controllata, dalle proprietà minerali e nelle due versioni: liscia o gassata.

Il periodo migliore per vistare Fortunago è la primavera, quando il bosco è tutto una fioritura di profumi, di primule, narcisi e pervinche.

Dove mangiare e dormire vicino a Fortunago

I PRODOTTI DEL BORGO
Punto vendita diretta di prodotti tipici locali (salumi, vini, formaggi, miele, confetture, frutta e verdura da agricoltura biologica).
Piazza delle Poste, 1.
Aperto nei fine settimana.

ALBERGO RISTORANTE “LA PINETA” di Nembrini Danilo
Cucina tipica locale: antipasti di salumi nostrani, risotti ai funghi porcini, secondi misti di carne, dolci della casa. Ideale per banchetti e ricevimenti.
via Roma, 2 – Fortunago
+39 0383875219

AZIENDA AGRITURISTICA “MACCARINI”
Cucina con piatti di produzione propria: affettati misti, selvaggina, formaggi misti, dolci e vino della casa. Locale accogliente e tranquillo, ideale per serate in compagnia.
Via Gravanago, 17 – Fraz. Gravanago
+39 0383875216

CASCINA CASAREGGIO di Lucia Rossotti
Collocazione panoramica, ambiente elegante e tranquillo. Cucina raffinata a base di piatti tipici locali. Ideale per week-end di relax e banchetti cerimoniali.
Loc. Casareggio
+39 0383875228

AGRITURISMO RISTORANTE “CASTELLO DI STEFANAGO”
Nelle vicinanze del castello medioevale di Stefanago, possibilità di escursioni a cavallo. Cucina tipica e casareccia e bed and breakfast.
Loc. Boatta
+39 0383875413

RISTORANTE “LOCANDA DEL PASSEGGERO”
Cucina tipica locale, vini dell’Oltrepò, ambiente tranquillo, cortesia e disponibilità dei gestori.
Fraz. Costa Cavalieri, 39 – Fortunago
+39 0383875241

AGRITURISMO “IL MELO ROSSO”
Agriturismo in posizione incantevole, completamente immerso nella natura e nel verde. Ottimo per fine settimana di relax.
www.ilmelorosso.it
Fraz. Ca’Vecchi – Fortunago
+39 0383875481

AZ.AGRICOLA “IL CASTELLO” di Mario Quattrini
Produzione di vini tipici locali con metodo di lavorazione in barrique.
Località Gravanago

Ti potrebbe interessare anche:



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *